Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

RECENSIONE

Tersicore va a scuola: Laboratori Espressivi di Gioco e Danza per il sostegno del ben-essere e la prevenzione del disagio.

Tersicore va a scuola si presenta come un testo di facile lettura e di grande attrattiva per chiunque sia interessato a svolgere laboratori espressivi nelle scuole primarie. Le Autrici, con lucidità e non senza una buona dose di autocritica, riportano tutte le fasi di un progetto educativo durato tre anni, progetto finanziato dall’Organizzazione di Volontariato Namastè allo scopo di prevenire il disadattamento scolastico dei bambini, che si manifesta tramite comportamenti a rischio come il bullismo, la dispersione scolastica e l’isolamento sociale.
Fattore di prevenzione primario è l’attenzione data alle dinamiche affettive e relazionali della classe e al sostegno della così detta Intelligenza Emotiva. Il testo è ricco di riferimenti alla psicologia infantile e di suggerimenti utili a regolare la didattica in modo da raggiungere un buon equilibrio tra strutturazione e flessibilità, dove la strutturazione prevede regole e indicazioni all’interno delle quali è possibile lasciare agli alunni quel margine di libertà necessario ad esprimersi creativamente. La creatività e la capacità di autoregolarsi permettono ai bambini di crescere mettendo alla prova le proprie competenze, secondo una visione olistica dell’educazione, che include non solo le competenze logico razionali, ma anche quelle psicomotorie.
Le Autrici forniscono molti esempi di come l’apprendimento motorio possa sostenere le competenze cognitive, affettive e sociali, fornendo spunti interessanti per insegnanti e genitori. Vengono presentati esercizi utili a sostenere la concentrazione e a regolare lo stato di attivazione psicofisica, giochi di gruppo per favorire la cooperazione tra i bambini e la coesione della classe, esperienze che nutrono la fiducia reciproca e l’autostima degli alunni, nonché modalità didattiche che sostengono il rapporto di collaborazione tra insegnanti e allievi, creando un clima emotivo positivo che facilita l’apprendimento.
Gli strumenti utilizzati per valutare l’efficacia del progetto, questionari e test come il Disegno della Classe, ci dimostrano che interventi simili sono utili sia ai bambini, sia agli insegnanti, sia alla scuola come istituzione, perché l’apprendimento e la crescita si realizzano al massimo grado in un contesto in cui tutti vivono una condizione di ben-essere.

Go to Top